Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Disciplina del mercato ortofrutticolo

    Pubblicato il 1 dicembre 2011 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Ho sottoscritto la proposta di legge “Nuove disposizioni per la disciplina del mercato ortofrutticolo” dei colleghi Zucchi, Brandolini e Fiorio.

    A livello comunitario la filiera alimentare (agricoltura, trasformazione e distribuzione)  rappresenta il 5% del Valore Aggiunto e il 7 % dell’occupazione.

    Una fluttuazione eccessiva dei prezzi al consumo, derivata da una potenziale destrutturazione dei valori, in un processo produttivo che già soffre la concorrenza internazionale (speculazione e domanda globale hanno alterato in modo permanente un quadro di poliennale stabilità), obbliga ad offrire alternative organizzative, di relazione e di programmazione oltre che di strumenti per affrontare i momenti di crisi acuta al livello della produzione.

    Vogliamo favorire il superamento delle difficoltà nella filiera, perseguendo una superiore integrazione e trasparenza, al fine di offrire condizioni di stabilità economica e di certezza di condizioni contrattuali e di rafforzare l’agricoltura nel suo rapporto con il mercato offrendo opportunità di organizzazione e sedi di confronto.

    a) ordinare la intera materia per predisporre un aggiornato riferimento legislativo di base, considerato che l’insieme delle strutture associative organizzate della agricoltura si sono storicamente organizzate con riferimento a disposizioni comunitarie e nazionali differenti.

    b) rivedere taluni qualificati istituti o definizioni in vigore, verificando criticamente le esperienze fin qui realizzate;

    c)trasferire moduli e procedure, che hanno consentito la realizzazione di utili esperienze in taluni settori, ad altri settori che potrebbero parimenti beneficiarne;

    d)riordinare, senza stravolgere, la intera materia delle relazioni a partire da quelle agroindustriali, anche attraverso una rinnovata e più fattiva presenza del governo della agricoltura, sia a livello nazionale che regionale. Il sistema agricolo italiano è infatti scarsamente organizzato: l’ortofrutta, il settore più avanzato, non raggiunge il 50% del prodotto commercializzato da Organizzazioni di Produttori. Questo limite rappresenta una delle principali cause dell’insufficiente competitività della nostra agricoltura e delle difficoltà reali ad implementare in molti settori e territori strategie di qualità e di competitività. Si tratta di un problema strutturale, che influisce pesantemente sui redditi degli agricoltori e sull’insieme del settore agroalimentare nazionale.

    “Nuove disposizioni per la disciplina del mercato ortofrutticolo” testo integrale

    Lascia un commento