Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Evasione fiscale, gogna per i piccoli e anonimato per i grandi evasori. Trattamento da riequilibrare

    Pubblicato il 24 febbraio 2011 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook
    Una norma del milleproroghe introduce la pubblica gogna per autorasportatori che si macchiano di irregolarità, mentre grandi evasori-nababbi godono dell’anonimato. C’è una evidente disparità di trattamento se per gli uni si prevede la pubblicazione in internet dei dati personali, mentre per gli altri si concede massima riservatezza.
    Le cronache di questi giorni, infatti, parlano di un evasore totale della provincia di Treviso, ancora anonimo, che ha occultato al fisco un patrimonio di 50 milioni di euro.
    Oggi ho depositato a riguardo un ordine del giorno legato al decreto milleproroghe.
    La pressione fiscale è elevata e grava sui contribuenti leali. I grandi evasori quindi minano l’interesse generale della comunità e appare opportuno non privare la lotta all’evasione fiscale del contributo che può venirle dal timore della riprovazione sociale, specie in un momento in cui nell’opinione pubblica sta aumentando la sensibilità sulla necessità che tutti adempiano al dovere fiscale.
    Per queste ragioni ho chiesto al Governo di disporre con una disciplina normativa specifica una maggiore trasparenza in materia fiscale che preveda anche anche l’elenco dei soggetti a carico dei quali sia accertata un’evasione di considerevole gravità, tale da configurare reato e a disporre che con le medesime modalità sia successivamente pubblicato l’esito definitivo dell’accertamento, anche quando sia favorevole al contribuente, in sede amministrativa, tributaria o penale.

    Lascia un commento