Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Fortezza Peschiera, rivedere intesa Demanio-Comune

    Pubblicato il 29 aprile 2011 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook
    Ho presentato oggi una interrogazione sull’alienazione dei beni storici demaniali di Pescheira. Chiedo ai Ministri Tremonti e Galan di verificare  il protocollo d’intesa tra l’Agenzia del Demanio e il Comune di Peschiera del Garda.  Si tratta di un accordo viziato sotto il profilo della legittimità, sotto il profilo del metodo amministrativo e sotto il profilo dell’opportunità.
    Il protocollo è stato firmato un mese prima dell’approvazione del federalismo demaniale che di fatto avrebbe concesso gratuitamente al Comune lo stesso patrimonio monumentale.
    Il protocollo prevede l’alienazione di tutta la Rocca, della Caserma XXX Maggio e del Padiglione Ufficiali, cuore storico della cittadina. Tutti beni di valore storico,  monumentale ed economico inestimabile che di fatto vengono sottratti alla comunità e ad eventuali scopi culturali, turistici di aggregazione e di servizio al pubblico.  Inoltre, il Comune di Peschiera del Garda cede la propria podestà esclusiva di pianificazione urbanistica all’Agenzia del Demanio, che predisporrebbe autonomamente i progetti.
    Per queste ragioni il protocollo attuale figura come una imposizione dall’alto, in una logica che vede il Comune di Peschiera del Garda relegato in un ruolo marginale, mentre il demanio si cura solo dell’aspetto finanziario dell’operazione.
    Le opposizioni consiliari si sono pubblicamente dichiarate disponibili alla valutazione della dismissione di alcuni beni, ma all’interno di un masterplan in cui il Comune guidi le scelte. Inoltre – conclude il deputato – bisognerebbe anche fare chiarezza sul vincolo di tutela espresso dalla Soprintendenza Regionale, che allo stato attuale renderebbe inalienabili i beni demaniali in questione.

     

    Lascia un commento