Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Governo e crescita: rilanciare gli investimenti

    Pubblicato il 10 maggio 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Mai come in questo momento è ora di passare ai fatti concreti. Dopo i primi interventi tampone in tema di entrate bisogna proceda verso il rilancio della crescita e  la salvaguardia dell’economia per il bene delle famiglie e delle imprese.

    L’argomento è ben trattato sul Sole 24 ore del 10 maggio in un articolo di Fabrizio Forquet .

    C’è nel Paese una situazione allarmante perché il senso di impossibilità e disperazione è arrivato al culmine e occorre agire immediatamente con provvedimenti altrettanto forti.

    E’ urgente che vengano attuate disposizioni che pongano le condizioni per il rilancio di investimenti e, se l’ Europa dovesse attardarsi in snervanti e inutili attese, sia il Governo Italiano a prendere l’iniziativa , cominciando dai più volte citati project-bond e dalla conseguente sterilizzazione degli investimenti pubblici ai fini dei vincoli del fiscal-compact.

    E’ urgente rilanciare gli investimenti altrimenti non usciremo da questa situazione. Un dato più di ogni altro ci fa comprendere la situazione: il flusso dei soldi in entrata nei Paesi UE. Dal 2000 ad oggi la quota dei fondi destinata al vecchio continente e’ scesa dal 47 al 32%, mentre perl’Asia e’ passata dal 21 al 27% e in SudAmerica dal 7 al 10%
    Il dato e’ chiaro: se non cominciamo a investire un po’ anche noi è difficile aspettarsi che gli aiuti arrivino sempre dall’esterno.

    Un secondo fondamentale aspetto è rappresentato dai tagli alla spesa pubblica (con riduzioni significative). Sarà così possibile alleggerire la pressione tributaria e una burocrazia elefantiaca che scoraggia qualsiasi intenzionato dal venire ad investire nel nostro Paese.

    E’ importante non perdere ulteriore tempo, nel mondo che è cambiato non possiamo affidarci solamente al destino, occorrono fatti concreti, non e’ più concesso perdere altro tempo.

    Lascia un commento