Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • La Verona anti-turista

    Pubblicato il 10 settembre 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Pubblico un intervento inviato al blog da Antonio Aldigheri. Mette in luce la politica perversa che l’amministrazione sta portando avanti nella quarta città turistica del Paese.

    Da giorni si assiste ad una “campagna anti-panino” promossa dal Comune , Confcommercio e giornale Arena che presenta foto e titoli in prima pagina.
    Esperienza personale e di tutti è che il turista che non va al ristorante si mangia un panino per strada, e magari al ristorante ci va alla sera. Tutti consumano civilmente il panino e la bibita in giro, senza sporcare, poi mettono il cartoccio negli appositi cestini. Ovunque nel mondo: anche davanti alla scalinata dell’Opera di Parigi frotte di turisti si riposano e si ristorano, così a Berlino, e in tutte le città italiane ed europee, senza che nessuno si scandalizzi.

    Da noi il turista che arriva inizia a pagare una tassa di ingresso prima ancora di scendere dal bus, poi non trova punti di informazione turistica fissi o mobili per orientarsi, non trova un bagno a pagamento se non nei bar previa consumazione, gli presentiamo, con gli autobus, una mobilità locale inefficiente per numero di corse e per chiarezza delle tabelle alle fermate. Adesso gli impediamo di mangiarsi in pace un panino per il motivo che non deve sedersi, e poi anche in piedi non trova i cestini per il cartoccio! I turisti scoprono che da noi non esistono aree attrezzate al pic-nic, anzi che qui nei giardini ci sono le panchine “anti-uomo”, con la sbarra in mezzo, in modo che nessuno possa riposarsi.

    Ma quale senso civico anima tutte queste norme, specie di angherie, alle quali sottoponiamo migliaia di persone che vengono a visitare Verona? Ma ci fa proprio orrore, o schifo, che vengano in città così numerosi e tutti gli anni? Vogliamo che anche il turismo entri in crisi quando costoro si accorgeranno di essere così trattati perché, in fondo, non graditi? Non verranno più! Allora anche i ristoranti e gli alberghi piangeranno per la mancanza di lavoro, e guarderanno i monumenti contenti perché nessuno gli si è seduto vicino.

    Lascia un commento