Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Lago di Garda, appoggio ai sindaci sulla fondazione

    Pubblicato il 17 febbraio 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    La proposta di istituire una fondazione per gestire i proventi della tassa di soggiorno è una giusta e centrata idea da due punti di vista: in primis amministrativo e in secondo luogo giuridico-societario.

    Dal punto di vista amministrativo perché, essendo un’imposta che entra direttamente nelle casse degli enti locali, è bene che siano gli stessi a disporne e risponderne direttamente per quelli che devono essere i risultati e gli impieghi a beneficio delle comunità locali.

    I sindaci risponderanno in termini di efficienza dei servizi, di bellezza e manutenzione dei territori, di corrispondenza alle esigenze dei turisti che, sopportando questa imposta, hanno tutto il diritto di beneficiarne; quindi oneri, ma anche onori nel disporne direttamente senza delegare ulteriori carrozzoni.

    A questo punto, subentra l’esigenza di trovare il contenitore comune per questi introiti e per il loro utilizzo ed è proprio da tal punto di vista, ed in particolare del diritto, che la fondazione meglio risponde a queste esigenze rispetto alla struttura del consorzio, quale “Lago di Garda è”, che è un ente privato, al quale verrebbe data delega con storno delle imposte entrate a favore dello stesso e con il pericolo di una gestione non più rispondente alle reali esigenze manifestate dalle amministrazioni.

    La fondazione ha la sua ragion d’essere nel “patrimonio”, il consorzio è invece una aggregazione che coordina e aggrega. I soldi pubblici, quali le imposte di soggiorno introitate non possono essere gestiti da terzi, potrebbero solo essere in parte dati a contributo, ma a questo punto snaturerebbero il significato dell’imposta di soggiorno, che non dimentichiamo deve rappresentare una prima forma di applicazione di quel federalismo fiscale e di quella reale autonomia degli enti locali tanto auspicata e che ora deve essere applicata.

    Ben venga la proposta di Passionelli e De Beni e degli altri sindaci per la fondazione.

    Altre strade significherebbero aver chiuso la porta alle vecchie e cattive gestioni per poi farle rientrare dalla finestra.

    Lascia un commento