Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Manovra, non è abbastanza.

    Pubblicato il 18 ottobre 2013 giampaolo 1 commento Condividi su Facebook

    La legge di stabilità non è la scossa di cui il Paese aveva bisogno. Non è negativa in sé, ma le misure sono tutte troppo timide e non incideranno a fondo.
    Purtroppo a livello fiscale la situazione si complica e l’abolizione dell’IMU, che nei tempi e nei modi della proposta rappresentava pura propaganda (come andavamo dicendo), non darà ossigeno a famiglie e imprese e verrà sostituita da altre tasse. Il rischio è aver solo aumentato la selva degli acronimi fiscali (Trise, Tari, Tares…)
    Il continuo compromesso tra Pd e Pdl si è giocato al ribasso e quindi questa manovra non inciderà molto.
    Letta garantisce stabilità e rispetto dei vincoli europei e grazie a questo lo spread continua a scendere, però non riesce a passare all’attacco: le tasse non vengono ridotte e non si affronta in maniera decisa la la riduzione degli sprechi e della spesa pubblica.
    Non si vedono all’orizzonte riforme strutturali, riforme che dovrebbero essere una delle ragioni alla base della grande coalizione.
    La Cgia di Mestre ha calcolato che il beneficio netto in busta-paga nel 2014 andrà da un minimo di 3 euro ad un massimo di 14 euro al mese.
    Sempre secondo la Cgia, se prendiamo i 2 milioni 600 mila lavoratori che stanno alla base della piramide, quindi con con un reddito lordo che va dai 10 mila ai 15 mila euro, emerge che il beneficio mensile si limiterà a 9 euro. Un po’ poco per parlare di scossa all’economia reale.
    Ora la manovra passa al vaglio del parlamento, non possiamo che augurarci che venga migliorata e che si evita qualsiasi “assalto alla diligenza” e si lavori non su piccoli interessi particolari ma sulle riforme necessarie per la ripresa.

     

    Una risposta a “Manovra, non è abbastanza.”

    1. Chissà invece cosa avrebbe fatto Monti se fosse stato al governo per ridurre in maniera decisa la riduzione degli sprechi e della spesa pubblica, per dare la scossa economica di cui il Paese ha bisogno e per ridurre le tasse ?

    Lascia un commento