Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Meeting Rimini, buono spunto di Famiglia Cristiana

    Pubblicato il 24 agosto 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    La posizione dei cattolici impegnati in politica deve essere prima di tutto di “servizio”. Come ha messo in luce Famiglia Cristiana, in un tagliente editoriale, il Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini, invece, anno dopo anno, sta dando l’impressione di un semplice incontro con il potente di turno.

    Il settimanale dei Paolini scrive: “C’è il sospetto che a Rimini si applauda non per ciò che viene detto. Ma solo perché chi rappresenta il potere è lì, a rendere omaggio al popolo di Comunione e liberazione. Non ci sembra garanzia di senso critico, ma di omologazione. Quell’omologazione da cui dovrebbe rifuggere ogni giovane. E che rischia di trasformare il Meeting di Rimini in una vetrina: attraente, ma pur sempre autoreferenziale”.

    Questa considerazione, vista anche la condizione drammatica del Paese (condizione che affonda le sue radici anche in anni di malgoverno) risulta forte, ma allo stesso tempo liberatoria e necessaria. I cattolici non devono essere percepiti come appartenenti a una lobby (o, peggio, a diverse lobbies) ma devono prodigarsi per il bene della comunità seguendo gli ideali del Vangelo.

    Quindi, il modus operandi di Comunione e Liberazione, e del suo braccio economico, La compagnia delle opere, non deve apparire come semplicemente funzionale a stabilire rapporti fruttuosi con l’establishment.

    Famigia Cristiana ha aperto una discussione che era latente, che molti avvertivano, sia nel mondo cattolico che laico. Ha fatto bene, e mi auguro sia l’inizio di una seria riflessione. Siamo sicuri che la posizione del settimanale riflette un disagio sentito in molti e non una semplice e sterile polemica ferragostana.

    Lascia un commento