Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Salviamo l’Italia. Subito

    Pubblicato il 11 novembre 2011 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook
    Nelle fasi drammatiche si riconosce chi vuole prendersi le proprie responsabilità e chi si rifugia nel piccolo tornaconto di bottega. Il Pd è il più grande partito del paese e non si chiude in logiche interne di fronte al rischio di default.
    I sondaggi danno il centrodestra in caduta libera, ma non è ora di andare alle urne. Non possiamo consegnare il paese a tre mesi di campagna elettorale in questa fase. C’è l’urgenza di rimettere l’Italia sui binari dopo il deragliamento dell’esperienza berlusconiana.
    Chi negli ultimi anni ci chiamava disfattisti, allarmisti e diceva che la crisi era solo psicologica faccia un esame di coscienza e abbia la decenza di fare un passo indietro.
    Napolitano ha tenuto le redini del paese nella sua fase più drammatica e dobbiamo essergliene grati. Il Presidente merita tutta la fiducia che gli Italiani ripongono in lui.
    Sarà dura, durissima, ma non dobbiamo cedere ai facili trucchi della vecchia politica.
    Abbiamo la responsabilità di evitare la catastrofe e la nostra serietà, quando giungerà il momento del voto, verrà ripagata.
    Anche Di Pietro dovrebbe capire che non è ora di tatticismi e di calcoli personali. Non se ne farà nulla di qualche virgola percentuale in più (ammesso che i suoi elettori non si stufino del gioco) se il paese collassa. Lasci questa mentalità da bottega alla Lega Nord, che, smarcandosi da tutto e auspicando un periodo d’opposizione per riprendere fiato, da un lato certifica il proprio misero fallimento politico e dall’altro la totale mancanza di profilo governativo. Se ne ricordino i cittadini del nord.
    A Bossi, oltre al rantolio, alle offese e al dito medio non rimane nulla. E’un leader al tramonto e la fine di Berlusconi è anche la sua fine. Non cerchi di smarcarsi: è responsabile di questa tragedia tanto quanto il Cavaliere. A braccetto hanno condotto il paese al disastro e a braccetto devono uscire di scena.
    Serve un colpo di reni del paese intero: dalla crisi se ne esce tutti insieme e per questo è il momento di dimostrare che siamo persone serie e che il Pd è una forza che sa unire e che sa parlare a tutti i cittadini, compresi i delusi e coloro che finalmente si stanno rendendo conto che il l’incantesimo del berlusconismo nascondeva vuoto politico ed egoismo personale.
    Nei momenti drammatici, l’Italia ha sempre saputo dare il meglio: non perdiamo tempo e iniziamo subito a ricostruire. Bossi e Berlusconi saranno presto un triste e lontano ricordo.

    Lascia un commento