Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Scelta europea

    Pubblicato il 4 aprile 2014 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Parte la corsa per le elezioni europee e ribadiamo l’importanza della prospettiva comunitaria per il nostro paese.
    Solo con un robusto ancoraggio all’Ue è pensabile una riforma liberale della politica italiana. È con questo profilo che è stata presentata “Scelta Civica per l’Europa”, la lista che aspira a conquistare e interpretare l’opinione pubblica liberale, democratica e riformatrice nel voto di fine maggio per l’Assemblea di Strasburgo.
    Come ha ricordato il presidente di Scelta Civica del gruppo di Montecitorio Andrea Romano:

    Il voto europeo vedrà una battaglia decisiva tra chi vuole abbandonare l’UE e chi reputa necessario un maggiore ruolo dell’Unione da ogni punto di vista. Aderire a una prospettiva pienamente europeista “senza incertezze” vuol dire per lo storico liberare l’Italia dal peso opprimente del debito pubblico tramite le riforme strutturali nel lavoro e le liberalizzazioni dell’economia. Requisiti imprescindibili per ridurre la pressione fiscale e attrarre gli investimenti produttivi stranieri.

    Ci inseriamo nella prospettiva europea per rinforzare il nostro orizzonte liberal-democratico; come ricorda il presidente di Scelta Civica a Palazzo Madama Gianluca Susta, nominato coordinatore della campagna elettorale europea:

    Rispetto a chi invoca un’altra Europa riteniamo che l’attuale UE sia una grande incompiuta sul piano politico-istituzionale, economico-fiscale e bancario”. L’aspirazione è un’unione federale imperniata sulla centralità del Parlamento e della Commissione, sull’aumento delle risorse e degli investimenti comunitari nell’economia continentale: orizzonte più avanzato del puro coordinamento intergovernativo.
    Il programma europeo è riassunto in questo documento di Scelta civica

    L’obiettivo del programma di Scelta civica per le europee è costruire entro dieci anni l’Europa federale, punto di riferimento liberale e democratico per tutto il mondo, punto di riferimento fondamentale per la riforma strutturale e la cescita economica e sociale dell’Italia

    Lascia un commento