Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Si può salvare la scuola italiana?

    Pubblicato il 17 maggio 2013 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Lunedì 13 maggio, alla Società Letteraria di Verona, ho partecipato alla presentazione del libro “Si può salvare la scuola italiana?” di Ugo Cardinale. Erano presenti l’autore, Daniela Brunelli, Presidente della Società Letteraria di Verona, Giovanni Pontara, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona, Augusta Celada, Dirigente dell’Educandato Agli Angeli di Verona. Ha moderato l’incontro Riccardo Mauroner, Docente di Storia e Filosofia – Educandato Agli Angeli di Verona.

    Nel mio intervento ho citato le priorità per rilanciare l’istruzione nel nostro Paese: inclusione, merito, flessibilità, personalizzazione dei percorsi, respiro internazionale e raccordo con il mondo del lavoro e dell’università.

    Altro tema caldo rimane quello dell’edilizia scolastica: nel 2011 presentai la proposta di istituire una commissione parlamentare di inchiesta sul finanziamento e sulla realizzazione del piano di intervento per l’edilizia scolastica. Ne parlavo nell’articolo “Classi pollaio e insicure”.

    La scuola rimane uno dei temi cruciali per lo sviluppo dell’Italia, come ben sintetizza Ugo Cardinale nel suo libro:

    “Un paese che vuole crescere deve scommettere sulle proprie risorse più feconde, e fra queste la scuola e i giovani giocano un ruolo fondamentale. Cosa si è fatto in questi anni, e cosa ancora si può e si deve fare, per far sì che la scuola italiana compia un passo in avanti e diventi a pieno titolo il luogo di formazione degli italiani del futuro? In un’ottica propositiva, ma anche lucidamente critica, questo volume analizza il nostro sistema scolastico, evidenziandone punti di forza e punti deboli e invitando chi si occupa di scuola a trovare le soluzioni più adatte a valorizzare i primi e rafforzare i secondi”.

    (Tratto dalla presentazione dell’opera. Vedi scheda completa)

    Lascia un commento