Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Snellire le procedure in materia civile

    Pubblicato il 7 giugno 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    Succede spesso che le sentenze dei giudici, pronunciate dopo anni di attesa e con il dispendio di ingenti risorse processuali del singolo e della collettività, rimangano decisioni virtuali perché, se chi perde la causa non adempie spontaneamente ai precetti contenuti nella sentenza, la controparte si ritrova in una situazione di sostanziale impotenza, a causa dell’inefficienza e dell’inefficacia degli strumenti e dell’organizzazione del processo esecutivo.

    Si produce a danno del cittadino una forma di sostanziale denegatio iustitiae in violazione dei princìpi costituzionali attinenti alla garanzia dell’effettività della tutela giurisdizionale di diritti ed interessi legittimi.

    L’organo istituzionalmente preposto allo svolgimento di gran parte delle attività, spesso non definibili come giurisdizionali in senso stretto, cioè l’ufficiale giudiziario, tuttora si trova, spesso, privo di adeguati mezzi di azione e, quindi, in una condizione di sostanziale paralisi. Paralisi che è ancora più frustrante dopo la solennità della proclamazione della ragione in favore di una delle parti, perché rende evidente l’inutilità concreta dell’ordinamento nel riconoscergliela nei fatti.

    Per questo si deve valorizzare maggiormente la professionalità dell’ufficiale giudiziario mediante una progressiva riforma strettamente connessa e coordinata con la progressione del personale giudiziario, che abbia come fondamento una maggiore flessibilità nell’utilizzo delle risorse umane collocate nelle diverse posizioni economiche della figura professionale, nonché una maggiore razionalizzazione della forza lavoro, in seguito all’attuazione del piano straordinario per la digitalizzazione della giustizia.

    Ho firmato la proposta di legge della collega Samperi che mira a rendere più funzionale l’intero sistema.

    Modifica alla disciplina in materia di esecuzione civile

    Lascia un commento