Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Azionariato popolare, Hellas Verona come il Barcellona F.C.

    Pubblicato il 26 luglio 2011 giampaolo 3 commenti Condividi su Facebook
    Se in questo periodo di difficoltà economica si fatica a trovare sponsor per l’Hellas, evitiamo di coinvolgere società pubbliche e cambiamo prospettiva: puntiamo sull’azionariato popolare seguendo l’esempio del Barcellona
    Se, ad esempio, ognuno dei 15.000 abbonati dell’Hellas partecipasse all’azionariato popolare con cento euro, avremmo già raggiunto un milione e mezzo di euro, che è più del doppio di quello che tra mille polemiche uscirà dalle casse dell’Agsm.  A quel punto, inoltre, vedendo un progetto forte, potrebbero entrare in gioco anche alcuni imprenditori veronesi per affiancare il presidente Martinelli. Solo a questo punto pensare a una partecipazione simbolica dell’amministrazione cittadina sarebbe sensato.

    Potremmo, nella pratica, prendere ad esempio la formula della società accomandita per azioni. Da un lato avremmo gli accomandatari responsabili (imprenditori) e dall’altro gli accomandanti limitati alla quota di partecipazione (tifosi e sostenitori in qualità di azionariato popolare).

    La politica potrebbe giocare un ruolo aggregante in questo caso e dare lo spunto per il sostegno alla squadra, senza prestarsi ad operazioni fuori luogo con denaro di aziende pubbliche. Inoltre, come nel caso del Barcellona, l’azionariato popolare rafforzerebbe un senso diffuso di vicinanza alla squadra e alla città.

    Capisco infatti l’amarezza del patron del Chievo Campedelli di fronte all’operazione Hellas-Agsm; il sostegno alle squadre non può venire dalle società controllate del Comune; per giunta ad una sola squadra della città e ad un solo sport.

    L’Hellas ha una grande storia ed è comprensibile che le forze economiche e politiche della città si battano per sostenerla. La politica può e deve fornire una cornice per agire, ma senza mettere mano al portafogli, specie in un periodo di crisi.

    Per queste ragioni lancio al mondo politico ed economico veronese la proposta di azionariato popolare per l’Hellas e mi rendo disponibile a contribuire da subito. Lasciamo l’Agsm e le altre società controllate a fare il proprio lavoro e cerchiamo invece di contribuire in maniera diversa.

     

    3 risposte a “Azionariato popolare, Hellas Verona come il Barcellona F.C.”

    1. Ok,per me potrebbe anche andar bene se c’é CHIAREZZA,COMPETENZA e SERIETA’ ,no politica in mezzo peró,solo PASSIONE X L’HELLAS. A modena i tifosi hanno recentemente preso l’ 1% della societá. prendiamo esempio da loro. attendo di leggere sul SITO DEL VERONA news in merito. grazie x l’idea e la buona volontá… ora si provi a fare qualcosa in concreto ….come fatto ai tempi del suo intervento nel periodo ‘Arvedi’ ,grazie. AVANTI I BLÚ! – p.s. l’ Agsm fará splendere il VERONA!

    2. […] Fogliardi per l’azionariato popolare Se in questo periodo di difficoltà economica si fatica a trovare sponsor per l’Hellas, evitiamo di coinvolgere società pubbliche e cambiamo prospettiva: puntiamo sull’azionariato popolare seguendo l’esempio del Barcellona Se, ad esempio, ognuno dei 15.000 abbonati dell’Hellas partecipasse all’azionariato popolare con cento euro, avremmo già raggiunto un milione e mezzo di euro, che è più del doppio di quello che tra mille polemiche uscirà dalle casse dell’Agsm.  A quel punto, inoltre, vedendo un progetto forte, potrebbero entrare in gioco anche alcuni imprenditori veronesi per affiancare il presidente Martinelli. Solo a questo punto pensare a una partecipazione simbolica dell’amministrazione cittadina sarebbe sensato. [Leggi tutto] […]

    3. Di ritorno dalle vacanze ho saputo dell’accordo AGSM – Hellas.
      Ritengo ingiusto e immorale che con soldi pubblici si finanzi una sqadra di professionisti lautamente pagati.
      Se non si ferma il tutto, spero intervenga la Corte dei Conti a far pagare questi soldi a chi ha voluto e votato lo sciagurato accordo.
      Fra l’altro l’Hellas non deve dei soldi arretrati al Comune per l’affitto del Bentegodi? e il Comune invece di incassare quanto dovuto finanzia il debitore!

    Lascia un commento