Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Dopo il rigore, lo sviluppo

    Pubblicato il 7 gennaio 2013 giampaolo 1 commento Condividi su Facebook

    Ho parlato con L’Arena della lista Monti. Ecco l’intervista:

    Dopo il rigore, lo sviluppo. Così Giampaolo fogliardi, deputato uscito dal Pd per aderire con i Popolari Democratici all´agenda Monti, commenta la «salita» in campo in politica del presidente del Consiglio uscente con la lista «Scelta civica con Monti per l´Italia». Che correrà alla Camera insieme a quella dell´Udc e di Fli a sostegno di Monti candidato presidente del Consiglio e al Senato, invece, perdendo le parole «Scelta civica», raggrupperà i vari movimenti in una unica lista Monti.

    Fogliardi, lei sarà in pista?
    Alla Camera, nella sua lista, Monti non introduce politici ma esponenti della società civile. C´è l´ipotesi per il Senato, ma gli spazi sono stretti e resto molto prudente. Ma di una cosa sono certo, comunque.

    Quale?
    Che Monti ha particolarmente apprezzato l´iniziativa mia e di alcuni colleghi usciti dal Pd e anche dal Pdl per continuare ad aderire alla sua agenda.

    Pentito della sua decisione?
    Al contrario. Visto com´è in alto mare il Pd nel formare le liste, fra primarie, deroghe, reinserimenti, sono sempre più convinto della bontà della mia scelta. Io sono molto sereno. Se ci saranno le condizioni per proseguire la mia attività in Parlamento, bene, altrimenti continuerò la mia attività politica in altre forme.

    Ma che cosa si aspetta da un eventuale governo Monti bis, stavolta veramente politico e non tecnico?
    Che alla fase di stretto rigore ne segua una per un forte rilancio dell´economia e poi per riformare la legge elettorale.

    E per Verona?
    Un sostegno alla ripresa, visto che la crisi nel 2012 si è fatta sentire molto anche da noi, e poi alle attività e alle infrastrutture fondamentali per la nostra città e provincia come l´aeroporto e la Fiera e poi l´Arena.

     

     

    Una risposta a “Dopo il rigore, lo sviluppo”

    1. Dopo che non è rientrato tra i “graditi” del PD che l’hanno escluso, ha pensato bene di salvare la faccia andando con con MM.
      A proposito di sviluppo : io sto aspettando da più di un anno il decreto di sviluppo promesso da Monti gli inizi del 2012 e intanto le persone si uccidono.

      Visto che ha contribuito al redditometro :
      Non esiste uno Stato nel pianeta tranne l’Italia dove l’onere della prova fiscale sia a carico del contribuente e non dello Stato.
      La presunzione di innocenza è l’asse fondamentale dei sistemi giuridici moderni, nemmeno in paesi totalitari come la Cina è invertito l’onere della prova.

      Sul fatto degli operai con due figli: se nessun operaio sarà oggetto di MULTA (non si sta parlando di accertamento, non hai evidentemente capito niente di come funziona) questa sarà la prova provata che si tratta semplicemente di un sistema mascherato da giustizia per far sì che alcune persone possano decidere a loro piacimento chi diventa povero e chi no.

    Lascia un commento