Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Legge Stabilità 2013: più equità grazie al Pd

    Pubblicato il 14 dicembre 2012 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook

    La scelta del Governo di ridurre la pressione fiscale, seppur condivisibile, era sbagliata nella
    sua realizzazione. Infatti, il Governo aveva pensato di spalmare il beneficio su tutta la platea dei contribuenti attraverso la riduzione delle due aliquote IRPEF più basse, ma annullava questo vantaggio attraverso un aumento su tutta l’IVA e l’ inasprimento dei tetti e delle franchigie.

    La questione di fondo, ossia la scelta di come ripartire le risorse disponibili tra riduzione delle imposte dirette e indirette è stata risolta nel senso di azzerare completamente la manovra sul versante della riduzione delle aliquote IRPEF – che abbassava di un punto percentuale le aliquote applicabili ai primi due «scaglioni» di reddito (del 23 e del 27 per cento) e i cui benefici si sarebbero polverizzati su una amplia platea di contribuenti, ivi compresi quelli rientranti nelle classi di reddito elevate – e di utilizzare le risorse così liberate per interventi mirati in favore delle famiglie e della competitività delle imprese, attraverso la riduzione del cuneo fiscale.

    Scarica la scheda: Legge di stabilità – Scheda

    Lascia un commento