Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Liberal-democratici dall’Italia all’Europa

    Pubblicato il 18 aprile 2014 giampaolo 1 commento Condividi su Facebook

    L’appuntamento con le europee diventa cruciale: mai avevamo assistito a tanto scetticismo nei confronti dell’unione. La crisi ha accentuato i toni aspiri e molti soggetti politici hanno trovato nell’Europa una semplice scorciatoia per dare una valvola di sfogo al malcontento.
    Un atteggiamento rischioso: nel mondo globalizzato la migliore risposta è una Europa più forte, guidata da persone di valore, e non il ritorno a tante piccole patrie.

    I populismi cercano sempre il capro espiatorio al di fuori del proprio “gruppo” di appartenenza: è una strategia comoda, che prescinde dall’analisi della complessità della situazione. Il nostro Paese deve rimanere agganciato agli standard europei e non rifugiarsi nel consolatorio “torniamo alla lira” (ragioniamoci: con questo debito pubblico? Da grandi importatori di materie prime? Con questo sistema produttivo da riformare?).

    È il momento del rilancio del sistema europeo e per fare questo servono uomini competenti, preparati e determinati: niente “figurine” né politicanti in prepensionamento.

    Come ha spiegato il capogruppo di Scelta civica alla Camera Andrea Romano:

    Nella prima elezione che vede l’europeismo messo in discussione, diciamo con chiarezza che serve piu’ Europa. Finora regnava un europeismo di maniera, Bruxelles come una mamma a cui non si poteva non voler bene. Oggi sono esplosi anti-europeismi diversi: Grillo, Lega, Forza Italia, la lista Tsipras. Avremo l’onere di spiegare che dire si’ all’Europa significa servizi pubblici di qualita’, universita’ e riforma del lavoro adeguate. Mentre uscire dall’euro sarebbe catastrofico per la quotidianita’ degli italiani, dai mutui ai servizi. Siamo il partito piu’ europeista.

    L’ideale di un polo liberal democratico vale in Europa quanto in Italia; non sono due prospettive diverse, ma due fasi dello stesso grande progetto.

    Così il senatore Gianluca Susta sull’obiettivo di Scelta Europea:

    Costruire in Italia l’alleanza dei liberali democratici tra il polo socialista definitivamente scelto dal Pd e quello popolare-conservatore che Forza Italia ha rappresentato in questi anni. Alle Europee, chi vuole votare pro Europa ha davanti un’unica scelta, Scelta Europea.

     

    Una risposta a “Liberal-democratici dall’Italia all’Europa”

    1. Francesco Caldogno

      Penso che sia quanto mai necessario e urgente rifarsi al pensiero dei padri fondatori dell’EUROPA per non chiudersi in sterili steccati e alimentare divisioni dannose: Un’Europa unità nella ricchezza delle diversità è un grande valore e forza.

      ciao e L’augurio di una Buona e serena Pasqua

      Francesco

    Lascia un commento