Solo un altro blog targato WordPress
Icona RSS facebook
  • Riforma fiscale, iniziano i lavori in Commissione

    Pubblicato il 22 settembre 2011 giampaolo Nessun commento Condividi su Facebook
    Sono iniziate le audizioni in Commissione finanze in preparazione alla riforma fiscale con l’obiettivo dichiarato di semplificare e razionalizzare l’attuale normativa.
    Mercoledì Enrico Giovannini, presidente del tavolo del ministero dell’Economia sul sommerso e presidente dell’Istat ha parlato di Condoni a maggioranza qualificata.
    “I condoni possono produrre gettito ma in altri casi sono solo un’anticipazione di imposte che potrebbero essere utili per un Governo in carica per aggiustare i conti ma producendo un effetto negativo in futuro”. Si potrebbe, dunque, “rendere molto più bipartisan un eventuale ricorso al condono” per garantire una “condivisione anche sugli effetti a medio termine”. In sostanza, anche a parità di gettito tributario, rileva ancora Giovannini, c’e’ un loro spostamento nel tempo. “Una approvazione bipartisan” conclude Giovanni, servirebbe a “stabilizzare la decisione per evitare che solo una parte possa avvantaggiarsene”.
    Giovannini in Commissione si è espresso anche sull’ipotesi di lotta all’evasione tramite deducibilità o detraibilità di tutti i consumi. Secondo il presidente dell’istat «significherebbe tassare il risparmio, con la conseguente produzione di effetti distorisivi gravi perché il risparmio genera investimenti e quindi crescita». Un’alternativa sarebbe invece quella di generare un meccanismo di rotazione per i beni e i settori da portare in detrazione o deduzione, in modo da consentire l’emersione del settore stesso con una minore possibilità di tornare al sommerso.

    Le audizioni sul disegno di legge con la delega legislativa al Governo per la riforma fiscale e assistenziale.in Commssione Finanze andranno avanti per tre settimane. Poi inizierà la discussione generale e sarà fissato un termine per la presentazione degli emendamenti.
    Oggi abbiamo incontrato Vieri Ceriani, capo del Servizio rapporti fiscali della Banca d’Italia.

    Lascia un commento